In questo momento così difficile per l’intera comunità scolastica, in cui sono emerse con forza tutte le falle del nostro sistema scolastico, diventa necessaria una presa di coscienza e di consapevolezza da parte di chi ha deciso di rappresentare gli studenti e le studentesse nelle scuole.

Per questo ci rivolgiamo direttamente ai rappresentanti, siamo convinti che oggi più che mai il ruolo della rappresentanza non può più limitarsi ad una sterile presenza nei consigli d’istituto e ad una mediazione tecnica tra gli studenti e la presidenza.

In un momento in cui diventa sempre più evidente il disinteresse da parte di chi sta in alto (presidi compresi) verso le nostre condizioni e le nostre rivendicazioni, lottare per il miglioramento diventa un dovere. In questo senso i rappresentanti d’istituto sono di fronte a una scelta importante: rappresentare la rabbia e la frustrazione degli studenti di fronte a una condizione scolastica sempre peggiore, oppure scegliere di ignorarle.

Questo è quindi un appello a creare momenti di confronto tra studenti, scuola per scuola, per rendere la rappresentanza studentesca uno strumento di partecipazione e di megafono degli studenti.

Invitiamo infine tutti i rappresentanti e gli studenti che si rivedono nel ragionamento espresso sopra a contattarci tramite i nostri canali social.