SCARICA LA PIATTAFORMA RIVENDICATIVA QUI

Per la seconda volta in otto mesi si è palesata la criminale volontà del governo e delle classi dirigenti di non investire in istruzione, sanità e trasporti come invece era necessario, di fatto condannandoci a un aumento esponenziale dei contagi, tanto prevedibile quanto evitabile, e a una situazione sempre più drammatica che la nostra generazione sarà costretta a portarsi dietro per tutta la vita. Infatti, se ad oggi un nuovo lockdown, la chiusura delle scuole e il ritorno della DaD sono diventati inevitabili e unica soluzione per tutelare le esigenze di studenti, docenti e personale ATA, prima di tutte la sicurezza, ci sono dei responsabili che di certo non lasceremo continuare indisturbati a speculare sul nostro futuro.

Sappiamo bene perciò che il governo ci ha condannati alla DaD, che non è vera didattica e in alcun modo può sostituire quella in presenza, e che si dimostra nuovamente non accessibile a tutti, fonte di disuguaglianze ed emblema del loro marcio modello di scuola neoliberista. Ma sappiamo che questa non è scuola, e noi non ci stiamo. La DaD si deve configurare come uno strumento assolutamente emergenziale e necessario per garantire una continuità nel rapporto tra studente e professore, in vista di un prossimo rientro nelle nostre scuole in sicurezza, che deve essere garantito a tutti tramite investimenti strutturali.

Per questi motivi abbiamo creato una piattaforma rivendicativa nazionale sulla DaD volta a non ledere ulteriormente i diritti a distanza, da tempo già compromessi e calpestati. Ma questa volta gli studenti non ci stanno.

SCARICA LA PIATTAFORMA RIVENDICATIVA QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...